Menu

LA TRASPARENZA DELLA PAROLA

Cantata per  Primo Levi

In nove stazioni

Testo di Emilio Jona

( e liberamente tratto da Primo Levi )

Musica di Andrea Liberovici

I – I  PERCHÉ

Perché  questa notte è diversa

da ogni altra  notte?

Perché questa notte siamo tanti

e ieri così pochi?

Perché ciascuno sta appoggiato sui gomiti

intento ad ascoltare?

Perché questa notte ci dobbiamo cibare

del pane dell’allegrezza?

Perché questa notte ci dobbiamo nutrire

dell’erba dell’afflizione?

Perché questa notte beviamo un vino

che non cancella il ricordo?

II  –  ÖLIDLINKÖIT

E il Signore disse a Noè:

Fatti un’arca di legno resinoso

e spalmala di dentro e di fuori di olio di lino cotto

E il Signore disse alle figlie di Sion:

Renderò calve le vostre teste

le ricoprirò di vergogna

vi toglierò ogni ornamento

gli amuleti e gli unguenti

di olio di lino cotto

Da secoli esso fu la materia

prima dell’arte nobile

e antica dei verniciai

e oggi è la mia arte fatta

di queste fraudolenze sottili

che le cose e i corpi traduce

o nasconde

preserva o conduce

III – BABELTURM

Hai mai tra le nebbie veduto

di Babelturm la cima?

Sale nella cecità e nel gelo

dalla terra dell’odio

nel vento della discordia

i suoi mattoni si chiamano

ziegel

briques

tegula

kameny

bricks

teglak

cegli

In questa torre fondata

sulla confusione della parola

su di una bestemmia innalzata

a sfida del cielo

odiammo il sogno

demente dei nostri padroni.

IV  – STAWAČ                

Non è neppure un comando

ma un suono

sommesso e terribile

…Stawač…

Nasce all’approssimarsi dell’alba

nessuno l’attende dormendo

… Stawač …

Come una pietra

sul fondo dell’anima

cade

… Stawač …

Fuori dall’esile corazza del sonno

su di noi ignudi all’offesa

del giorno che va a cominciare

un giorno così lungo

da non concepirne la fine…

… Stawač …

V  – JAWOHL                  

                       …poi fu la volta di Sòmogyi

la febbre lo prese

e finché conservò conoscenza

non disse parola

nell’asperità del silenzio

si chiuse

                       Ma a sera seguendo un ultimo

sogno di remissione

prese a mormorare

…Jawohl…

ad ogni emissione di respiro 

…Jawohl…

regolarmente

…Jawohl…

costantemente

…Jawohl…

come una macchina

…Jawohl

ad ogni alzarsi

delle sue povere costole

…Jawohl…

                       Avremmo voluto soffocarlo

o scuoterlo

perché almeno cambiasse parola

…Jawohl…

Costantemente

…Jawohl…

regolarmente

…Jawohl…

a ogni respiro

…Jawohl…

Quanto è laborioso di un uomo

il morire!

VI – HURBINEK

                       …ora ci stava vicino

non sapeva parlare

era un nulla, un bambino

di Auschwitz

Come gambe due stecchi

ed un viso

smunto e ancora vivo dove

terribili guardavano gli occhi

di  affermazione e di pena. 

Nel suo sguardo a rompere

la tomba del silenzio

selvaggia premeva la parola…

Finché una notte dall’angolo

dove giaceva un suono

esplose

una parola infine:

Hurbinek… 

Da quella notte, ogni notte

con l’ansia di capire

lo ascoltammo in silenzio

questo suo esperimento oscuro

e ostinato, finché lui fu spento.

 Era un messaggio, forse una domanda

era il nome?

                       Combatté come un uomo

per conquistarsi un luogo

nel mondo che l’aveva escluso

                       Combatté sino all’ultimo respiro

e morì

libero ma non redento.

                       Nulla di lui più testimonia

nulla ci resta se non una parola

Hurbinek.

VII – JUDI’                                                                                       

                       Boun-a seira Primo‘d Türin

l’aqua l’è nèn ‘l vin

‘l  vin l’è pà l’aqua

Suchod l’è nèn la Pasqua

la Pasqua l’è pà Suchod

la tèra l’è pà i man-od

i man-od sun nèn la tèra

la pas l’è nen la guèra

la guèra l’è pà la pas

i coi sun pà spinass

ij spinass sun nèn i coi

ij judì sun pà i gòi

ij goi sun pà ij judì…

            Bizzarra è la parlata dei nostri padri

dispersi tra le genti

come loro nascosta, come loro

scettica, bonaria

affettuosamente ridente

dignitosamente

in Dio confidente

                           La féra l’è nèn la kheillah

la keillah l’è pà la féra

‘l mun l’è nèn la péra

la péra l’è pà’l mun

‘l trenu l’è pà ’l  trun

‘l trun l’è nèn ‘l trenu

‘l preivi l’è pà ’l morénu

‘l  morénu l’è nen ‘l preivi

“Borè perì aghefen” dème da beivi

VIII – CANTO  JIDDISCH                        

Ci conoscete?

Siamo le pecore del ghetto

per mille anni tosate

per mille anni rassegnate all’offesa

Siamo i sarti e i copisti

i cantori appassiti

nell’ombra delle croci

Abbiamo imparato

i sentieri della foresta

spariamo e colpiamo diritto

E’ cambiata la nostra voce

Se io non sono per me

chi sarà per me?

Se non così, come?

Se non ora quando?

Ci  riconoscete?

Siamo i figli di Davide

gli ostinati sul monte di Masada

ognuno impugna la pietra

che a Golia incise la fronte  

Per i camini di Sobibor

salirono i nostri fratelli

scavando una tomba per l’aria

Noi soli siamo i sopravvissuti

per l’onore di un popolo sommerso

per la testimonianza e la vendetta

e perché nulla sia disperso

                                               Se io non sono per me

chi sarà per me?

Se non così, come?

Se non ora, quando?

IX – LA TRASPARENZA DELLA PAROLA

Fu allora che le parole

circondarono Primo

grate per l’antica fiducia

di avere in loro deposto

l’ordine del mondo  

Erano presenti tutte

quelle dure e ossessive

quelle perse e quelle affettuose

le ritrovate e le famigliari

quelle prive di soggetto

le ostili e le assennate

Le parole che vincevano la materia

neghittosamente nemica

e quelle che lottavano

contro il disordine e la ferocia del tempo

quelle che sapevano

che la nostra stessa faccia

il nostro stesso sangue

portavano gli assassini

E quelle che conoscevano

l’insanabilità dell’offesa

le parole che discendevano dal sangue

pallido di una stirpe

di patriarchi prolifici

e di  rabbini visionari

 

o dalla fatica di restare

sani nell’insania

la parola che stava più vicina

ai morti che ai vivi

e quella che si sentiva colpevole

di essere sopravvissuta

La parola del sogno e quella del risveglio

le parole che andavano con le strade

le fermate , le stazioni

e quelle maneggiate come pietre

tratte dalla terra che siamo

la parola della salvazione dall’orrore

la parola della salvazione dal non capire

Tutte davanti a lui

s’inchinarono terribili, amorose

tutte lui le raccolse come un dono

e tacque più limpido e più cupo.